Risultati da 1 a 1 di 1

Discussione: Il Konjac

Visualizzazione Ibrida

  1. #1
    Amministratrice L'avatar di DukIta
    Data Registrazione
    Sep 2011
    Messaggi
    0

    Il Konjac

    Il Konjac è una pianta chiamata Amorphophallus Konjac. La sua radice è utilizzata nell'alimentazione tradizionale giapponese da più di 200 anni al naturale o attraverso prodotti trasformati (Konnyaku, pasta di konjac, biscotti...)

    Il Konjac, racchiude una fibra "magica": il glucomannano. Questa è fibra solubile è la più viscosa che si possa trovare in natura; questo vuol dire che in presenza di liquido, forma un gel estremamente compatto, "viscoso", molto denso. Assorbe fino a 100 volte il suo peso in acqua, cosa questa enorme, il più grande record raggiunto da una fibra. Essa riempie lo stomaco come nessun'altra fibra (e con zero calorie).

    Grazie a questa fibra, il konjac contiene le seguenti proprietà:

    - Moderatore d'appetito

    E' uno scaccia fame eccezionale, può quindi essere utilissimo per placare i forti appetiti.
    Molto utile quando il sovrappeso è legato al troppo mangiare.

    - Bruciatore di grassi:
    Favorisce l'allontanamento dei grassi di riserva e non è cosa da poco! Quindi molto prezioso per spingere la dieta!

    Drenante o diuretico:
    Grazie alle fibre che contiene, drena, pulisce e rimuove. E' ideale per le persone che
    tendono a gonfiarsi a causa della ritenzione idrica, di trovarsi spesso con gambe pesanti e le dita gonfie.
    Inoltre favorisce l'eliminazione di tutti gli scarti metabolici. Infine, siccome intrappola zuccheri e grassi,
    è capace di eliminare una certa quantità di calorie.

    Secondo alcuni studi americani, il konjac aiuta a diminuire il colesterolo cattivo (LDL) e a regolare la glicemia nel sangue.

    Controindicazioni:

    Il konjac non è indicato a soggetti che soffrono di ostruzione del tubo digerente.
    Comunque, per le persone che stanno seguendo un trattamento specifico, è sempre preferibile parlarne al medico
    curante prima di consumarne. In tutti i casi è molto importante spaziare l'assunzione dei medicinali e del konjac di
    almeno 2 ore (per esempio, medicina alle 12:00 e konjac alle 14:00 o viceversa), proprio come la crusca d'avena.

    Il Konjac è disponibile in diverse forme (blocchi, vermicelli, polvere...), ma la pasta di Konjac o Shirataki sono, a mio parere,
    il miglior modo di consumare questo prodotto per un europeo. Al giorno d’oggi si possono fabbricare dei vermicelli o addirittura dei noodles che si conservano molto bene. Questi noodels, che somigliano molto alla pasta comune e che sono completamente privi di calorie, si preparano esattamente nello stesso modo dei vermicelli o degli spaghetti. Hanno una consistenza molto piacevole al palato, leggermente resistente sotto i denti, ma non hanno un sapore particolare: si impregnano della salsa o della preparazione che li accompagnano.


    A presto!
    Ultima modifica di DukIta; 10-07-12 alle 14:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •